Tavoli per una nuova economia di vallata

Reti, comunità e nuova economia di vallata


Cos’è per noi fare RETE?
Negli ultimi anni e in diversi settori si utilizza sempre di più – e magari si abusa – del concetto di “rete” e di parole che comunicano nuova modalità collaborative.
Sarà forse anche una moda, ma la base c’è e anche noi non esitiamo a proporci come veicolo per fare rete sul territorio. Non una rete che trattenga, ma che metta in relazione ogni singolo con gli altri.

Confluenze usa già da tempo la metafora del “filo che unisce“, al quale cui ognuno può annodare il proprio per diventare, insieme, più forti e concreti. Crediamo davvero che solo attraverso l’unione delle forze, la condivisione di problemi, il confronto, soprattutto da posizioni differenti, potremo arricchirci di esperienze e trovare il modo per creare un vero progetto condiviso.

COMUNITA’
Parliamo di persone. Ed è conoscendo quelle che vivono il territorio, ascoltando i loro sogni, progetti, passioni, visioni che è nato Confluenze. Perché è chi respira la valle ogni giorno, magari soffrendola anche, che è in grado, se sostenuto, accompagnato, supportato, di partecipare e diventare attore di un progetto capace di animare un territorio, accogliere turismo, continuare a vivere, far fiorire aziende e crescere i propri figli.

Confluenze non si propone come soluzione, ma come STRUMENTO, VEICOLO, STIMOLO, ISPIRAZIONE verso una comunità che si prenda cura del TERRITORIO E DEL SUO SVILUPPO.

Confluenze non è un progetto finanziato. A partire dalla primavera del 2015, la collaborazione di tante persone ha reso possibile la realizzazione di numerosi eventi, dalla prima edizione del festival fino a PianofortiLiberi; alcuni di noi dedicano a Confluenze molto tempo perché siamo convinti dalla necessità di un contenitore ampio e aperto, di uno strumento trasversale. La nuova economia di vallata di cui parliamo è un’economia di relazione. La relazione è una leva potentissima.


2017 | Prima edizione dei Tavoli di Confluenze per una nuova economia di vallata

I primi Tavoli di Confluenze per una nuova economia di vallata si sono tenuti nel 2017 con un doppio appuntamento, sul versante pavese e sul lato piacentino della Val Tidone.

L’incontro lombardo si è tenuto venerdì 10 marzo a Varzi (PV) ed è stato coordinato dall’associazione ChiCercaCrea.

In concomitanza con la terza edizione di “Chi Semina Raccoglie”, il mercato coperto di Varzi nel pomeriggio ha ospitato Semi di Comunità, tavoli di lavoro per “R-ACCOGLIERE una COMUNITA’ DI INTENTI e SEMINARE nuove sinergie per un Oltrepo di Domani”.

« 1 di 4 »

I Tavoli della comunità piacentina sono invece stati ospitati dalla Tenuta La Torretta di Sala Mandelli (Nibbiano).

L’incontro, molto attivo e partecipato, è stato aperto con la presentazione dei progetti realizzati da Confluenze a partire dalla nascita nel 2015.

« 1 di 4 »

Questionari

Clicca qui per vedere il questionario compilato durante i Tavoli di Confluenze nella giornata di sabato 18 marzo a Nibbiano
Clicca qui per vedere il documento di sintesi del questionario compilato dai partecipanti nei giorni successivi al fine di decidere insieme le priorità della valle e le linee per la prosecuzione del progetto.


2018 | Proseguono i Tavoli di Confluenze per una nuova economia di vallata

Nasce la prima rete di ospitalità in valle

Con una serie di incontri l’associazione Casa Grande presenta i nuovi progetti, gli sviluppi delle attività in corso e avvia la prima rete di ospitalità in valle.

Il progetto Confluenze è nato nel 2015 da un’esigenza concreta – fornire una strumento di maggiore conoscenza tra le persone stesse che vivono il territorio al fine di instaurare relazioni di fiducia e di collaborazione – si sviluppa ora su 3 azioni:

• azione dell’ascoltare > le effettive necessità di una comunità autentica
• azione del mettere a sistema > le realtà produttive presenti sul territorio
• azione del promuovere > una valle meravigliosa e molto meno conosciuta di quanto meriterebbe (anche dalle persone stesse che la vivono oltre che dai potenziali turisti)

Tre azioni da portare avanti parallelamente, mantenendo l’equilibrio tra interno ed esterno.

Per questo motivo, parte un grande e ambizioso lavoro di riprogettazione che interessa sia le modalità di collaborazione, sia quelle di comunicazione (materiale cartaceo e online).

Cambia il sito dell’associazione Casa Grande – questo che stai consultando – che ora è il punto di riferimento per i tanti progetti fatti per la comunità che vive la Val Tidone in maniera quotidiana o comunque con grande frequenza.

Viene completamente ristrutturato il sito di Confluenze, che diventa riferimento per il turista, con focus sul TURISMO LENTO e sulle ATTIVITA’ OUTDOOR
• sentieri e cammini
• trekking leggero
• mtb e cicloturismo
• equitazione di campagna
• birdwatching
• scoperta dei borghi
• esperienze e laboratori


Oggi Casa Grande ha un patrimonio utile sia per chi vive in Val Tidone, sia per il turista che desidera conoscere il territorio in profondità: gustando i sapori, camminando lungo i sentieri, scoprendo le bellezze naturali, le storie delle persone e le scelte che modellano un paesaggio meraviglioso.

I commenti sono chiusi